Problemi di erezione e disfunzione erettile: le cause e i rimedi

Ultimo aggiornamento: 30.06.22

 

Ecco tutto quello che c’è da sapere su un problema che affligge moltissimi uomini, indipendentemente dall’età e dalle condizioni fisiche.

 

In passato questa condizione veniva definita con il termine di impotenza maschile, che in maniera più ampia e generale racchiudeva tre diverse categorie di questa condizione; di queste tre categorie, però, soltanto una corrispondeva esattamente alla condizione che oggi viene definita disfunzione erettile, che in ambito medico è abbreviata con l’acronimo DE.

Le tre categorie dell’impotenza sono suddivise in base ai loro effetti primari; la prima è di tipo generativo, cioè ha come effetto l’impossibilità di generare figli a causa di anomalie nella produzione di spermatozoi, la seconda è basata sull’impossibilità fisica di eiaculare mentre la terza, invece, è caratterizzata dall’impossibilità del pene di compiere l’erezione.

Come si può facilmente intuire quindi, soltanto la terza categoria di impotenza, chiamata con il termine tecnico di impotentia erigendi, presenta le caratteristiche tipiche della disfunzione erettile.

Questa disfunzione non si limita a definire soltanto l’incapacità di compiere l’erezione, ma anche quella di mantenere il pene eretto per tutta la durata di tempo necessaria a eseguire e completare un rapporto sessuale soddisfacente.

 

Disfunzione erettile cause

Le cause della DE sono molteplici; i problemi di erezione, infatti, possono essere di origine psicologica oppure derivare da cause fisiche; cominciamo quindi a esaminare quali sono i disturbi fisici più comuni che possono portare alla disfunzione erettile.

• I disturbi circolatori

Nella maggior parte dei casi la disfunzione erettile è causata da anomalie dell’apparato vascolare; tra i disturbi dei vasi sanguigni che possono originare la DE ci sono l’aterosclerosi, l’ipertensione arteriosa oppure un blocco nel flusso sanguigno dei vasi che irrorano il pene. Sotto questo aspetto anche alti livelli di colesterolo e il diabete mellito possono compromettere la possibilità di avere un’erezione.

• I disturbi neurologici

Dal punto di vista neurologico, invece, la disfunzione erettile può svilupparsi in seguito al danneggiamento dei nervi che inviano messaggi al pene; e qui tornano in ballo il diabete, che può causare questo tipo di lesioni ai nervi del pene, e l’aterosclerosi, che invece si origina come conseguenza di una degenerazione o lesione dei nervi.
Anche le lesioni al midollo spinale possono causare la DE però, così come gli interventi chirurgici alla prostata, soprattutto quelli eseguiti per la rimozione dei tumori o per la prostata ingrossata, i quali potrebbero causare delle lesioni ai fasci nervosi diretti verso il pene visto che questi si snodano proprio lungo la ghiandola prostatica.

Cause psicologiche

Disturbi come l’ansia e la depressione sono tra le cause psicologiche più comuni della disfunzione erettile; questi possono essere originati sia da conflitti radicati profondamente nel subconscio sia da screzi con la propria partner, oppure da stress e fattori ambientali o sociali che tendono a condizionare lo stato psichico.

Un classico esempio è la cosiddetta ansia da prestazione, alla quale sono soggetti soprattutto i maschi in giovane età alle prese con le prime esperienze sessuali; l’ansia da prestazione ha un effetto fortemente inibitorio sulla funzione erettile e nella maggior parte dei casi tende ad auto rinforzarsi nel tempo dopo il primo episodio fallimentare vissuto in un rapporto sessuale.

Anche la scarsa intesa con la propria partner, sia a livello fisico e sessuale sia sul piano affettivo e delle emozioni, può risolversi in una mancata erezione durante il rapporto sessuale. In questi casi la disfunzione erettile è causata dalla percezione inconscia di un rifiuto da parte della compagna, oppure dalla non accettazione del proprio aspetto fisico o da una errata valutazione delle dimensioni del pene.

 

Altre possibili cause

La mancata erezione può essere dovuta anche ad altri fattori, come per esempio il fumo, l’abuso di alcol e l’assunzione di farmaci e sostanze stupefacenti, in particolar modo cocaina e anfetamine, oppure essere di origine organica e quindi legata a disturbi ormonali, come una forte carenza di testosterone, e a patologie specifiche dell’apparato riproduttivo maschile come per esempio la malattia di Peyronie, che causa deformazioni nel pene a casa della formazione di tessuti cicatriziali all’interno dei corpi cavernosi, o il priapismo, che può causare lesioni ai tessuti del pene e portare alla disfunzione erettile.

 

Disfunzione erettile sintomi

I sintomi che possono rappresentare un campanello d’allarme per la DE sono diversi, visto che in alcuni casi bisogna considerare anche la presenza di altre patologie che possono causare la disfunzione.

I più comuni e diffusi, però, sono l’assenza delle erezioni notturne o mattutine, che testimoniano il corretto funzionamento dei nervi che portano al pene, la sensazione di torpore nell’area della sella, ovvero della regione perineale, e i fenomeni di claudicazione, cioè l’insorgere di crampi dolorosi ai muscoli delle gambe durante la camminata o la corsa e la loro repentina scomparsa a riposo.

Disfunzione erettile rimedi

La disfunzione erettile in sé non è considerata una condizione pericolosa, ciò non toglie che potrebbe a sua volta rappresentare il sintomo di una malattia più grave. Anche se non è legata a patologie più serie, inoltre, la DE rimane comunque una condizione invalidante per un uomo, perché riduce la qualità della vita; in ogni caso è importante sottolineare che, indipendentemente dalle cause, la disfunzione erettile è una condizione che può essere curata.

Nel caso in cui la DE abbia origini psicologiche, infatti, il metodo migliore per risolvere il problema è quello di sottoporsi a sedute di psicoterapia o psicanalisi; se le cause sono organiche, invece, allora i possibili rimedi possono variare dall’assunzione di semplici integratori per il potenziamento maschile, come per esempio il memberXXL, oppure al trattamento con farmaci nel caso in cui il manifestarsi della DE sia legato ad altre patologie.

Per poter stabilire con esattezza le cause del problema, però, è imprescindibile l’aiuto del proprio medico di fiducia, il quale dovrà condurre un’accurata anamnesi e, se necessario, prescrivere ulteriori esami per capire quali sono le esatte cause del problema e stabilire così il trattamento più adatto per risolverlo.

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI

DMCA.com Protection Status